Lampedusa e circumnavigazione di Linosa 22-29 Settembre 2019

In Breve

Date

22-29 Settembre 2019 (7 notti)


Come arrivare

Per raggiungere Lampedusa, è possibile volare direttamente dall'Italia con le seguenti compagnie aeree: Volotea, Vueling, Alitalia, Meridiana, Blu-Express.

È possibile inoltre arrivare a Lampedusa via mare con i traghetti in partenza dalla Sicilia con le seguenti compagnie navali: Siremar (da Porto Empedocle); Traghetti delle Isole (da Porto Empedocle).


Sistemazione

Il Villaggio Camping "La Roccia" si trova sul versante sud dell´isola, la zona più bella dell'isola di Lampedusa, direttamente sul mare, in località Cala Greca, deliziosa caletta con piccola spiaggia di sabbia simile ad una piscina naturale, ideale per iniziare le nostre attività di swimtrekking. L'unica struttura confinante con il Parco Naturale dell'isola dei Conigli di Lampedusa, il Villaggio Camping è immerso in un´oasi di verde, ombreggiato da alberi di Ficus Australis, Mioperi, Pini d´Aleppo, Acacie (Mimose) e tante altre piante da fiore. La conduzione del  Villaggio osserva già da tantissimi anni tutte le regole ecologiste per la salvaguardia dell´ambiente e delle risorse naturali, con particolare cura del riciclo delle acque per l´irrigazione ed il risparmio energetico con l´utilizzo di pannelli solari. Il Villaggio offre varie possibilità di soggiorno: la nostra sistemazione è prevista in bilocali da 3/4 posti, monolocali da 3 posti, chalet e bungalow da 2 posti.


Pasti

La prima colazione e la cena saranno serviti presso il ristorante del Villaggio Camping "La Roccia" , mentre il pranzo si farà al sacco durante la sosta di recupero lungo la costa tra la nuotata del mattino e quella del pomeriggio.


Cosa portare

Si consiglia di portare sandali da trekking adatti per camminare su sentieri sconnessi, sulle rocce e in grado di entrare in acqua, torcia (possibilmente subacquea), macchina fotografica (possibilmente subacquea), una penna USB o hard disk esterno (per memorizzare le foto del campo), un capello per la protezione dai raggi solari, una sacca telata (Ikea) per il trasporto delle proprie attrezzature, posate da campo, un coltellino multiuso. Suggeriamo un abbigliamento pratico e sportivo (un paio di pantaloni, t-shirt e calzoncini) che comprenda almeno una giacca a vento e una felpa pesante.


Temperature e condizioni meteo

Settembre: temperatura media dell’aria 27° ; temperatura media del mare 25°.
Le condizioni del mare potrebbero variare a seconda delle condizioni meteo e delle correnti. Questo è parte integrante dell’esperienza del nuotare in acque libere.


Contributi

€800 + €30 (quota associativa)
per un gruppo di minimo 6 partecipanti

Sconto attrezzature (per coloro che portano le proprie)

- €30 muta
- €18 pinne, maschera e boccaglio


Il contributo include

7 notti di pensione completa (colazione, pranzo al sacco, cena) in bilocali da 3/4 posti, monolocali da 3 posti; (chalet e bungalow da 2 posti con supplemento); trasporto in aliscafo a/r per l'isola di Linosa; trasporti pubblici sull'isola di Lampedusa; 6 giorni di attività in mare (5 giorni a Lampedusa; 1 giorno a Linosa); assistenza e guida istruttori e guide Swimtrekking; attrezzature Swimtrekking (maschera, boccaglio, pinne, muta, barchino), maglietta e cuffia Swimtrekking; assicurazione e tesseramento ASD Swimtrekking.


Il contributo non include

Il viaggio per e da Lampedusa; assicurazioni integrative; commissioni bancarie; le bevande al ristorante; tutto quanto non espressamente indicato nel contributo include.


 

Lampedusa e circumnavigazione di Linosa 22-29 Settembre 2019

Effettuare la circumnavigazione di un’intera isola in una sola nuotata è un’esperienza unica ed emozionante: di quei traguardi indimenticabili che ti accompagneranno per tutta la vita. Vedere di nuovo, alla fine del percorso e a distanza di poche ore, il punto da cui si è partiti regala una soddisfazione che non ha prezzo. Ed è per questo motivo che offriamo a noi e ai nostri soci questa occasione unica. L’affascinante isola di Linosa sarà solo una delle prime isole in cui ci porremo l’obiettivo di compiere la circumnavigazione completa del perimetro costiero! I 5 km di costa rientrano perfettamente nei nostri standard e nelle nostre ambizioni…Si tratta solo di non rinunciare a tale opportunità! L’isola di Lampedusa è una delle mete più ambite per chi ama il sole, le immersioni e la natura selvaggia e rappresenta l’ultimo lembo di territorio italiano prima della costa africana.2587407817_79b5772330_o

Progetto Swimtrekking

I campi Swimtrekking si pongono l’obiettivo di proporre un’attività in mare che, attraverso l’escursionismo e l’esplorazione, consenta ai partecipanti di maturare un’esperienza autentica in cui confrontarsi sulle tematiche della tutela e della salvaguardia dell’ambiente marino, anche e soprattutto attraverso la conoscenza della flora e della fauna.

Gli esploratori a nuoto saranno impegnati nel monitoraggio delle zone costiere e dei fondali marini. I responsabili dell’associazione, nelle vesti di istruttori e guide qualificate, trasmetteranno le indagini effettuate sul campo ai siti web di riferimento e agli enti addetti a tale supervisione. Ad esempio, i partecipanti alimenteranno il famoso sistema di monitoraggio Meteomeduse, in cui si riporteranno le osservazioni sulla presenza, l’abbondanza, e l’identità specifica delle meduse rilevate durante le escursioni in mare. Le indicazioni contribuiscono tuttora ad arricchire un database utile per lo sviluppo di un modello statistico per la previsione della proliferazione di meduse nei mari italiani. Altro lavoro importante dei partecipanti sarà quello di recuperare in acqua, durante l’attività natatoria, materiali di rifiuto trasportabili ed effettuare la pulizia delle spiagge, nei punti di sosta previsti durante l’attività.

Attrezzature

Le attrezzature necessarie alla realizzazione del campo sono: maschera, boccaglio, pinne, muta (da 3 o 5 millimetri), barkino (zaino stagno galleggiante in fibra di vetroresina), maglietta di lycra a maniche lunghe, calzari in neoprene da 2mm. Ricordiamo che maschera, boccaglio, pinne, muta (da 3 o 5 millimetri), barkino (zaino stagno galleggiante in fibra di vetroresina), potranno essere noleggiate dall’associazione qualora i partecipanti non ne fossero in possesso.

Lampedusa e Linosa

L’isola di Lampedusa è una tavola calcarea che termina, a nord, con una impressionante falesia, mentre a sud la costa è frastagliata e forma lunghi promontori e calette profonde che si chiudono con spiaggette di sabbia. Più vicina all’Africa che all’Italia (ed in effetti poggia sulla piattaforma africana) è circondata da un mare spettacolare, dalle incredibili sfumature che vanno dal trasparente, al turchese, al verde smeraldo al blu. L’interno dell’isola, bianco ed ocra, pietroso ed arido, ha un aspetto desertico. L’attività principale dell’isola è la pesca come testimonia l’importante flotta ancorata in una rada ben riparata. Alcune scoperte hanno confermato che l’isola era già abitata nell’età del bronzo. Nel 1843 l’isola apparteneva all’illustre famiglia dei Lampedusa (e Giuseppe, autore del Gattopardo ne è il membro più noto), ma venne poi acquistata da re Ferdinando che vi installò un penitenziario e vi fece approdare alcuni coloni. Con le isole minori, Linosa e Lampione, costituisce l’arcipelago delle Pelagie, le antiche Pelaghie, schegge di terra africana espulse dal Mediterraneo. L’isola di Linosa, di origine vulcanica presenta un’alta zona costiera con scogliere modellate dall’acqua e dal vento (sino 1500 metri di profondità) ottimali per le attività di swimtrekking ed avventurose escursioni via terra lungo le pendici dei suoi crateri. Si estende su una superficie di circa 5km e rappresenta una vera e propria oasi in mezzo al mare, facile e veloce da visitare per qualche giorno di sport e relax. Le acque cristalline di queste isole sono uno degli spettacoli più belli per chi, armato di maschera e pinne, naviga lungo le coste rocciose: donzelle pavonine dai colori sgargianti, scorfani, bavose sfinge (nascoste nelle piccole cavità degli scogli), stelle marine, salpe, le sottili aguglie, polpi, lepri e cetrioli di mare, spugne. Il fondale, a tratti roccioso, o candido e sabbioso, si tinge improvvisamente di verde scuro per via della presenza di posidonia che forma delle vere e proprie praterie sommerse.3347007539_396d0da02b_o

Date

22-29 Settembre 2019 (7 notti)

Dove

inizio del campo: 22 Settembre presso il Villaggio Camping La Roccia
orario d’inizio: ore 12.00
fine del campo: 29 Settembre presso il Villaggio Camping La Roccia
orario di conclusione: ore 12.00

Giornata tipo Swimtrekking

Ore 8.30 prima colazione. Non è consigliato entrare in acqua a digiuno poiché il primo pasto della giornata è fondamentale per avere una riserva di energia in grado di garantire una buona autonomia agli swimtrekker: è importante che la prima colazione sia ricca di carboidrati

Ore 9.30 verifica dell’equipaggiamento. Controllare che tutto sia in ordine (non dimenticare mai di portare un doppione dei componenti più importanti dell’attrezzatura: maschera, boccaglio, pinne, cuffia). Preparazione dei barkini.

Ore 10.00 briefing d’introduzione per l’attività a mare. Pianificazione dell’itinerario a mare sulla base delle condizioni meteo-marine, l’attenzione dei partecipanti è indirizzata all’analisi dei venti e delle correnti, alla prevenzione dei rischi in mare, alle dinamiche del nuoto in coppia/gruppo, all’osservazione della flora e della fauna.

Ore 10.30 trasferimento al punto di partenza (a piedi o con mezzi pubblici).

Ore 11.00 ingresso in acqua e inizio attività di Swimtrekking. Questa prima parte della giornata prevede che il gruppo percorrerà la metà dell’itinerario previsto dagli istruttori per la giornata cercando di mantenere condizioni favorevoli di vento e correnti. Costituiscono parte integrante dell’esperienza in mare e dell’attività dei partecipanti: l’osservazione dei fondali marini, la scoperta dei tratti costieri meno accessibili (es. grotte e calette) e delle varietà floro-faunistiche, il recupero a mare dei materiali di rifiuto.

Ore 13.00 sosta sul litorale per un leggero pranzo al sacco che dovrà essere particolarmente leggero ma ricco di sostanze energetiche ad alta digeribilità: i generi di conforto ed eventuali accessori saranno disponibili all’interno dei barkini. Questo momento di ristoro potrebbe anche aprirsi a brevi escursioni nell’entroterra per esplorare le zone costiere: con zainetto, macchina fotografica e scarpe da ginnastica, lo swimtrekker potrà avventurarsi in luoghi dalla natura incontaminata.

Ore 16.00 ripresa delle attività di Swimtrekking per concludere l’itinerario previsto. Il viaggio avrà le medesime caratteristiche di quello concluso nella mattinata. Una nota di rilievo: durante gli orari serali si rileva di norma un incremento della fauna, a beneficio dell’osservazione dei fondali.

Ore 17.30 termine attività di Swimtrekking e rientro al punto di partenza da dove si proseguirà (a piedi o con mezzi pubblici) per la residenza.

Ore 19.30 cena. Questa sarà necessariamente molto abbondante.

Ore 21.30 briefing con la proiezione di foto e filmati. Sarà l’occasione per gli Istruttori e le Guide Swimtrekking di mettere a confronto i partecipanti sulle esperienze vissute in mare e soprattutto il momento per il coordinamento delle attività (correzioni e suggerimenti sull’attività svolta, biologia marina, conoscenze sul mare, pulizia dei fondali, ecc.).

Circumnavigazione di Linosa

La circumnavigazione dell’isola di Linosa è prevista in un solo giorno. Lo sviluppo costiero dell’isola è di circa 11 chilometri. La partenza è prevista in aliscafo alle ore 9.00 da Lampedusa con arrivo a Linosa alle ore 10.oo. La nuotata avrà inizio alle ore 11.00 e avrà termine alle ore 16.30 (a metà periplo è previsto una sosta in spiaggia o approdo utile per il pranzo). Alle 17.40 è previsto il rientro in aliscafo a Lampedusa.

Come arrivare

Per raggiungere Lampedusa, è possibile volare direttamente dall’Italia con le seguenti compagnie aeree: Volotea, Vueling, Alitalia, Meridiana, Blu-Express.

È possibile inoltre arrivare a Lampedusa via mare con i traghetti in partenza dalla Sicilia con le seguenti compagnie navali: Siremar (da Porto Empedocle); Traghetti delle Isole (da Porto Empedocle).lampedusa-2106911

Sistemazione

Il Villaggio Camping “La Roccia” si trova sul versante sud dell´isola, la zona più bella dell’isola di Lampedusa, direttamente sul mare, in località Cala Greca, deliziosa caletta con piccola spiaggia di sabbia simile ad una piscina naturale, ideale per iniziare le nostre attività di swimtrekking. L’unica struttura confinante con il Parco Naturale dell’isola dei Conigli di Lampedusa, il Villaggio Camping è immerso in un´oasi di verde, ombreggiato da alberi di Ficus Australis, Mioperi, Pini d´Aleppo, Acacie (Mimose) e tante altre piante da fiore. La conduzione del  Villaggio osserva già da tantissimi anni tutte le regole ecologiste per la salvaguardia dell´ambiente e delle risorse naturali, con particolare cura del riciclo delle acque per l´irrigazione ed il risparmio energetico con l´utilizzo di pannelli solari.

Il Villaggio offre varie possibilità di soggiorno: la nostra sistemazione è prevista in bilocali da 3/4 posti, monolocali da 3 posti, chalet e bungalow da 2 posti.

Pasti

La prima colazione e la cena saranno serviti presso il ristorante del Villaggio Camping “La Roccia” , mentre il pranzo si farà al sacco durante la sosta di recupero lungo la costa tra la nuotata del mattino e quella del pomeriggio.2344446314_d593f2c387_o

Temperature e condizioni meteo

Settembre: temperatura media dell’aria 27° ; temperatura media del mare 25°.
Le condizioni del mare potrebbero variare a seconda delle condizioni meteo e delle correnti. Questo è parte integrante dell’esperienza del nuotare in acque libere.

Cosa portare

Si consiglia di portare sandali da trekking adatti per camminare su sentieri sconnessi, sulle rocce e in grado di entrare in acqua, torcia (possibilmente subacquea), macchina fotografica (possibilmente subacquea), una penna USB o hard disk esterno (per memorizzare le foto del campo), un capello per la protezione dai raggi solari, una sacca telata (Ikea) per il trasporto delle proprie attrezzature, posate da campo, un coltellino multiuso. Suggeriamo un abbigliamento pratico e sportivo (un paio di pantaloni, t-shirt e calzoncini) che comprenda almeno una giacca a vento e una felpa pesante.

Requisiti richiesti

L’attività dello Swimtrekking si basa sul nuoto. Sarà quindi fondamentale che tutti i partecipanti sappiano nuotare i due stili principali: lo stile libero e lo stile dorso. Specifichiamo inoltre che non sono assolutamente importanti i tempi di percorrenza e la tecnica individuale ma una discreta capacità di resistenza. Si richiede quindi una certa consuetudine con l’attività sportiva di qualsiasi genere sia pur blanda. Le persone molto sedentarie non sono adatte a questo tipo di esperienza. L’attività di Swimtrekking migliora la propria tecnica individuale nel nuoto, sviluppa l’autocontrollo e la conoscenza di se, fa conoscere una serie di tecniche quali l’apnea e il salvamento, studia la flora e la fauna, il moto ondoso, i venti e le correnti, rafforza e accresce le dinamiche del gruppo. Chiunque può quindi affrontare in maniera positiva l’esperienza di un campo Swimtrekking se interessato a sperimentare le conoscenze da noi proposte. I campi Swimtrekking sono aperti anche ai diversamente abili fisici (autosufficienti o con accompagnatore) che si integreranno nell’attività di Swimtrekking con i normodotati. Le minime conoscenze natatorie richieste a tutti per partecipare ai campi Swimtrekking sono la conoscenza dei due stili: stile libero e stile dorso.

Punti di Interesse

14852067732_ffdf98301c_o

Faro di Capo Grecale

Il Faro di Capo Grecale si trova nella parte orientale di Lampedusa, nella zona di Cala Creta. La passeggiata che dal centro di Lampedusa porta al faro percorrendo la strada principale è bellissima. La strada curva e sale lungo la terra brulla, con il mare dai tre lati. Il faro è in fase di ristrutturazione, automatico e funzionante.

La riserva naturale “Isola di Lampedusa”

è stata istituita nel 1995 per tutelare l’ambiente naturale dell’isola. Si estende per circa 338 ettari. Comprende i grandi valloni che incidono il territorio fino al mare (Vallone della Forbice, Dragutta, Tabaccara, Profondo, dell’Acqua, Terranova) ed i sovrastanti pianori. Comprende anche la famosa Isola dei Conigli con una spiaggia di finissima sabbia bianca dove ogni anno, tra giugno e settembre, le tartarughe marine caretta caretta vanno a deporre le loro uova. I nidi, sotterrati dalle tartarughe tra la sabbia, sono controllati da Legambiente, che si occupano di salvaguardare l’area.

Dammuso Casa Teresa

Il Dammuso di Casa Teresa rappresenta la storia al riguardo architettonico di Lampedusa. Il Dammuso di Casa Teresa, situato in via Ponente, è la costruzione in pietra più antica e caratteristica di Lampedusa. E’ stato costruito intorno al 1870, è composto da diversi ambienti e aree esterne, i tetti  sono a cupola per meglio isolare l’interno dall’elevata temperatura esterna. Nel 1994 venne acquistato dalla Regione Siciliana al fine di realizzarvi un’area archeologica con lo scopo di mostrare come un tempo si viveva sull’isola. Dopo il restauro dal 2006, il Dammuso e gli spazi circostanti sono visitabili tutti i giorni.

Fortini

Girovagando per l’isola si possono vedere diverse strutture fortificate, sopratutto nei pressi del porto dove sorgono in maggioranza. Questi antichi fortini risalgono, per la stravagante maggioranza, alla seconda guerra mondiale, e sono stati ideati, costruiti e utilizzati per proteggere l’isola avvistando il nemico in lontananza oppure per ripararsi dai bombardamenti.

Le Spiagge

Le spiagge di Lampedusa saranno raggiunte di volta in volta durante le nuotate di Swimtrekking. Oltre alla rinomata Spiaggia Dei Conigli, ci sono tante altre spiagge affascinanti come la Guitgia, Cala Croce, Cala Madonna, Cala Greca, Cala Galera, Cala Pulcino, Mare Morto, Cala Creta, Cala Pisana e Cala Francese.

Porta d’Europa

Amani e Arnoldo Mosca Mondadori sono stati i promotori di un’opera dedicata alla memoria dei migranti che hanno perso la vita in mare: “Porta di Lampedusa – Porta d’Europa” di Mimmo Paladino, un monumento di quasi cinque metri di altezza e di tre metri di larghezza, realizzato in ceramica refrattaria e ferro zincato, inaugurato il 28 giugno 2008. La porta si ispira alla drammatica vicenda delle migliaia di migranti che, affrontando incredibili avversità, tentano, troppo spesso invano, di raggiungere l’Europa alla disperata ricerca di un destino migliore.

Madonna del Mare

Appena fuori la suggestiva Baia dei Conigli scorgere le perfette forme e sagome della Madonna del Mare, raffigurante la Madonna col bambino. La statua, di dimensioni naturali, si trova ad una profondità di 14mt ed è stata donata all’isola dal famoso giornalista Roberto Merlo, appassionato di subacquea, a ricordo di una brutta avventura dalla quale si è miracolosamente salvato. Oggi è uno dei principali siti di immersioni presenti sull’isola.

Il Santuario della Madonna di Porto Salvo

Questo piccolo santuario dalle origini antiche, è circondato da un bel giardino fiorito. E’ uno dei luoghi più importanti per Lampedusa e sicuramente merita una visita. Si ha notizia di esso già nel 1202. Una testimonianza storica la troviamo nella relazione che il governatore Bernardo Maria Sanvisente invia a Ferdinando II , dalla cui testimonianza si evince che la grotta fosse divisa in chiesa cattolica e moschea maomettana. Durante la seconda guerra mondiale però,il santuario venne distrutto da un bombardamento, lasciando indenne la statua della Madonna. Quel bombardamento non fece vittime e i lampedusani devoti, riconoscenti di ciò, ricostruirono il Santuario. Molto particolare è la festa che si celebra il 22 settembre di ogni anno in onore della Madonna di Porto Salvo, in quanto la Sacra Statua viene portata a spalla dai fedeli che con alte grida di “evviva” percorrono le vie dell’isola.

Importante

Distanza media di percorrenza a mare giornaliera: 5 chilometri.
Distanza da percorrere per la circumnavigazione di Linosa: 11 chilometri
I programmi saranno guidati da Istruttori e Guide Swimtrekking qualificati.
Gli istruttori Swimtrekking saranno responsabili di tutta la parte organizzativa, logistica e tecnica del campo swimtrekking.
Il programma “giornata tipo” è da considerarsi orientativo. Orari e itinerari saranno sempre soggetti a modifiche in presenza di avverse condizioni meteo-marine ed eventualmente le attività potranno essere cancellate.

4788155152_2c5c25678a_o

 

 

 

Lascia un commento